Dimagrire con i carboidrati…

Esistono concetti che rientrano nella categoria di “vero” ma devono necessariamente essere soggetti ad un processo che è quello dell’abito cucito su misura, cioè devono essere adattati in base alle esigenze del soggetto con cui il professionista ha a che fare, per verificarne l’effettiva efficacia.

Sulla base di quanto discusso fin ora, introduco il “Timing dell’Assunzione dei Nutrienti”, molto utilizzato e spesso affiancato ad un altro concetto che è quello di “Finestra Anabolica”, cioè il lasso di tempo dopo l’allenamento, entro il quale è opportuno assumere nutrienti, affinché si abbiano i massimi benefici. Sulla base di quanto appena scritto, un classico esempio è quello di una quota di proteine da consumare entro 30’ dalla fine dell’allenamento per avere i massimi benefici in termini di crescita muscolare. In realtà sappiamo che questo concetto è stato ampiamente superato. Infatti, sono ormai numerosi gli studi che confermano l’importanza di un introito proteico soddisfacente nel lungo periodo e non semplicemente nel post allenamento, come dire che questa finestra è ormai diventata un balcone.

Se poi, oltre alle proteine estendessimo il discorso ai carboidrati, è vero che è importante ripristinare il glicogeno muscolare ed epatico (scorte di zuccheri presenti nel muscolo e nel fegato rispettivamente) nel post allenamento, ma considerando che questo può richiedere anche 24 h, ha davvero senso correre a mangiare un frutto subito dopo l’allenamento? Come sempre dipende da diversi fattori. In primis dipende dall’obiettivo del programma allenante: dimagrimento, forza, ipertrofia. Esistono infatti strategie nutrizionali atte a rinforzare il concetto di “timing dei nutrienti”. 

 Una strategia utile, in ottica dimagrimento, potrebbe essere quella di inserire i carboidrati nei giorni OFF (senza allenamento) e di limitarli nei giorni ON. Il motivo principale è quello di contribuire al deficit energetico assecondando la fisiologia. Come scritto su, potrebbero volerci anche 24 h per ripristinare le scorte di glicogeno muscolare ed epatico; pertanto se scelgo di alternare durante la settimana i giorni di allenamento, in questo caso il vantaggio potrebbe essere quello di avere una maggiore energia durante gli allenamenti, in quanto i miei muscoli hanno avuto il tempo di “riempire il serbatoio energetico” in maniera adeguata prima dell’allenamento. Inoltre, le catecolamine (adrenalina e nor adrenalina) prodotte in seguito all’allenamento, diminuiscono il senso di fame nei giorni ON, permettendomi di mangiare meno.

Fabio Buzzanca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

On this website we use first or third-party tools that store small files (<i>cookie</i>) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (<i>technical cookies</i>), to generate navigation usage reports (<i>statistics cookies</i>) and to suitable advertise our services/products (<i>profiling cookies</i>). We can directly use technical cookies, but <u>you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies</u>. <b>Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience</b>.