Anche tu potresti non ingrassare a Natale!

Tra pochi giorni è Natale e la maggior parte dei miei pazienti mi chiede timidamente se (e quanti) sgarri può fare nonostante il percorso dietetico costruito insieme.

Partiamo da un presupposto: se concedersi piccoli eccessi fa parte di una più ampia ed equilibrata routine, i nostri natalizi peccati di gola non metteranno a rischio nulla.

Saremo così tanto abituati a seguire uno stile sano a tavola e nella vita di ogni giorno che le classiche abbuffate durante le feste non saranno sistematiche azioni di guerra al nostro corpo, piuttosto piccole e rapide incursioni totalmente inoffensive.

Questa breve premessa, per sottolineare una sola verità: sopravvivere alle abbuffate natalizie è possibile purché in mezzo ai giorni di festa (davvero pochi quelli rossi sul calendario) si mettano da parte gli stravizi giornalieri e le auto-giustificazioni tipo ormai dopo Natale.

Che significa?

Che non bisogna rinunciare a niente, cioè tutti noi possiamo godere di una tavola ricca e abbondante seguendo, però, piccoli trucchi per non prendere peso e per non sentirci in colpa.

Primo suggerimento

Mai saltare i pasti perché la regola della compensazione degli errori ai pasti precedenti non funziona.

L’unica scelta saggia è quella di darsi una regolata sui nutrienti giusti da introdurre.

Prima e dopo i pranzi e le cene nei dì di festa, scegliete pasti frugali, leggeri, con poche, pochissime calorie. E bevete tanta acqua.

Come fare?

Per esempio scegliendo verdure a foglia larga, proteine crude e condimenti di aceto di mele e limone; questi ultimi aiutano il rallentamento dello svuotamento gastrico rendendo il pasto già digeribile con un impatto migliore sulla glicemia.

Una scelta interessante che annulla il rischio della cosiddetta ipoglicemia reattiva post prandiale.

La mia strategia non si ferma qui.

Ottime idee si rifanno anche al senso comune. Per evitare di abbuffarsi senza limiti, è intuitivo che basterebbe non uscire affamato come un lupo (vale a dire a stomaco vuoto!).

Ancora: sei ospite e la cena è a buffet? Scegli il posto più lontano: avrai meno voglia di fare avanti e indietro con 100 piatti in mano e, soprattutto, non avrai il cibo a portata di forchetta.

Fai parte della categoria “dolci la mia passione”?

Limitane la quantità. Oppure riduci le porzioni, evita i “bis” durante tutta la cena e goditi in tal modo anche il dolce senza sensi di colpa.

Assaggia tutto ciò che ami con moderazione, cercando di rinunciare ai condimenti troppo grassi o a un’eccessiva quantità di alcol (vino, amari, superalcolici).

Cene luculliane non sono sinonimo di “sei autorizzato a mangiucchiare” tutto il tempo! Anzi, quando una tavola è davvero invitante, come lo sono le nostre in Italia da Nord a Sud, abbracciane le pietanze tipiche, ma non ti buttare su snack, patatine, tartine e simili.

Sono cibi poco indicati per mantenersi in forma, che non saziano e che disturbano, invece, il gusto dei piatti ricercati.

Durante i cenoni, poi, cerca di tenerti in movimento (balla, passeggia) ma se proprio non sei il tipo, pratica un po’ di sport nei giorni “normali”.

Cammina a ritmo sostenuto, muoviti a piedi non in auto o con altri mezzi (se le distanze lo permettono).

Infine, come tantissime pubblicità ricordano, a Natale si è tutti più buoni e allora regala ai tuoi ospiti o a chi ha meno di te gli avanzi della cena o dei pranzi che hai organizzato: una scelta di cuore che permette, in particolare ai meno fortunati, di mangiare e di festeggiare seppur in modo diverso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

On this website we use first or third-party tools that store small files (<i>cookie</i>) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (<i>technical cookies</i>), to generate navigation usage reports (<i>statistics cookies</i>) and to suitable advertise our services/products (<i>profiling cookies</i>). We can directly use technical cookies, but <u>you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies</u>. <b>Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience</b>.